14a giornata. Al Novafeltria la partitissima con il Riccione

Prova di maturità del Novafeltria, che espugna con autorità il campo del Tre Villaggi, superando 1-0 il Riccione. Fabbri costretto a far fronte alle pesanti assenze di Fattori, Farabegoli e Stefanelli, oltre che del giovane Radici: a centrocampo torna titolare Sebastiani. Il Riccione si schiera con il 4-2-3-1, con Magnani terminale offensivo. Prima occasione per i gialloblu ospiti al 6′: Baldinini per vie centrali vince il duello di forza con Ndao e allarga a sinistra per Gori, il cross rasoterra taglia tutta la difesa e serve l’inserimento di Mahmutaj, che di prima calcia in porta, trovando la presa di Tacchi. E’ un Novafeltria in forma, tiene con autorità il campo e costringe il Riccione a cambiare qualcosa a livello tattico, con l’inversione dei due esterni Giannetti e Pivi. Al 29′ è ancora la squadra ospite a rendersi pericolosa: lancio lungo di Rinaldi, Galesi di testa sbaglia il rinvio e serve Baldinini al limite dell’area, decentrato sulla sinistra. L’attaccante apre sulla destra per l’inserimento di Cupi, che davanti a Tacchi manca la conclusione con il destro, favorendo il recupero di Casadio. Alla mezz’ora punizione tagliata di Fraboni, Tacchi respinge corto ostacolato da un compagno, poi si supera per deviare il tiro di destro di Rinaldi dal limite dall’area. Sugli sviluppi del corner battuto da Fraboni, Galesi salta a braccia larghe e tocca con la mano. L’arbitro Gjinaj decreta il rigore, trasformato da Rinaldi, con Tacchi che intuisce senza poter arrivare sul pallone. Il dominio del Novafeltria è reso ancor più evidente dall’occasione per Gori al 40′: Fraboni in posizione di trequartista verticalizza a destra per l’inserimento di Cupi, l’esterno serve all’indietro Gori, il cui tiro a botta sicura trova la deviazione in corner dell’ottimo Tacchi.

Nella ripresa è un altro Riccione, che prende in mano il pallino del gioco e prova a far valere la propria superiore fisicità. Al 53′ Amati ruba palla a Rinaldi in uscita e triangola con Cugnigni: il lancio in area trova Magnani defilato sulla sinistra, ma il diagonale a incrociare dell’attaccante non spaventa Semprini e termina a lato. Lo stesso Magnani al 64′ spreca la palla del pareggio, su un lungo lancio prolungato di testa da Cugnigni; l’attaccante calcia di destro alto, cercando il pallonetto. La squadra della Perla Verde stringe d’assedio l’avversario, al 65′ Casadio calcia su punizione, chiamando Semprini all’uscita di pugno. Byad controlla nei pressi del limite dell’area e ha tutto il tempo di calciare con il sinistro, chiamando Semprini alla deviazione. Il Novafeltria resiste con merito e con il passare dei minuti riprende nuovamente le misure all’avversario. Nel finale sale il nervosismo: all’89’ espulsi in successione Casadio, Tacchi e Federico Baldinini. Il Novafeltria porta a casa una vittoria di grande valore, consolidando il secondo posto con 28 punti, a -1 dalla capolista Real Miramare. Terzo in classifica l’Athletic Poggio, che a quota 26 supera il Morciano, quarto con 24 punti a causa della sconfitta casalinga con il Sant’Ermete.

Riccione – Novafeltria 0-1

Reti: 34′ Rinaldi rigore (N).

Riccione (4-2-3-1): 1 Tacchi – 2 Galesi (15 Byad dal 63′) 5 Ndao S. 6 Musabelliu 3 Casadio – 4 Ricci 8 Amati (12 Tullio dal 90′) – 11 Giannetti (17 Ndao B. dal 46′) 10 Cugnigni 7 Pivi – 9 Magnani. 

In panchina: Bolzonetti, Gabellini, Mulazzani.

Novafeltria (3-4-2-1): 1 Semprini – 4 Ceccaroni (15 Poggioli dal 15′) 6 Rinaldi 5 Raffelli G. – 2 Cupi (18 Raffelli T. dal 76′) 7 Sebastiani 8 Amantini  3 Gori – 11 Mahmutaj (17 Bettini dal 58′) 10 Fraboni (14 Baldinini Fed. dall’83’) – 9 Baldinini Fra (13 Arapi dal 63′).

In panchina: Casali, Outaadi.

Arbitro: Gjinaj di Cesena.

Ammoniti: Ndao S., Magnani, Ricci, Poggioli, Bettini, Fraboni, Cugnigni.

Espulsi: Casadio, Tacchi, Baldinini Fed.